RAVVEDIMENTO OPEROSO 2016

Share on Facebook17Tweet about this on Twitter0Share on Google+6Share on LinkedIn11Email this to someonePrint this page

..:: RAVVEDIMENTO OPEROSO OMESSO-INSUFFICIENTE PAGAMENTO TRIBUTI.

FOGLIO DI CALCOLO EXCEL (.XLS) AGGIORNATO CON IL CALCOLO DEGLI INTERESSI LEGALI ALLO 0,20% DAL 1° GENNAIO 2016.
(il file è aggiornato per il calcolo degli interessi legali nelle diverse misure che si sono avvicendate dal 1° gennaio 1999 fino a quella vigente dal 1° gennaio 2016 dello 0,20%; la nuova versione rilasciata il 15/02/2016 tiene conto – come le precedenti – del regime sanzionatorio previsto per l’indebita compensazione dei crediti di imposta inesistenti), nonché del cd. ‘ravvedimento sprint’ (che prevede l’applicazioni di sanzioni ridotte nei primi 14 giorni di regolarizzazione della violazione).

 

L’istituto del cd. ‘Ravvedimento Operoso’ risulta normativamente introdotto dall’articolo 13 del Decreto Legislativo 18 dicembre 1997, n. 472.
Il ‘ravvedimento operoso’ consiste nella possibilità di regolarizzare le violazioni ed omissioni tributarie – prima che le stesse siano constatate o siano iniziate ispezioni o verifiche od altre attività amministrative di cui l’autore della violazione abbia avuto formale conoscenza – in via spontanea, con il versamento di sanzioni ridotte, il cui importo varia in relazione alla tempestività del ravvedimento ed al tipo di violazioni commesse.
Il ravvedimento operoso rappresenta un evidente strumento teso a deflazionare il contenzioso di natura tributaria.
In questo ambito approfondiamo la possibilità di avvalersi del cd. ‘ravvedimento operoso’ al fine di regolarizzare l’Omesso o Insufficiente pagamento dei tributi.
L’omesso o insufficiente pagamento dei tributi può essere regolarizzato, eseguendo spontaneamente il pagamento dell’importo dovuto, degli interessi moratori (calcolati al tasso legale annuo dal giorno in cui il versamento avrebbe dovuto essere effettuato a quello in cui viene effettivamente eseguito) e della sanzione in misura ridotta.

I principali tributi che possono essere regolarizzati sono:
– le imposte dovute a titolo di acconto o di saldo in base alla dichiarazione dei redditi (IRPEF, IRES, IRAP, Addizionali …);
– le ritenute alla fonte operate dal sostituto di imposta;
– l’imposta sul valore aggiunto (IVA);
– l’imposta di registro (nelle locazioni quella dovuta per le annualità successive alla prima);
– l’imposta ipotecaria;
– l’imposta catastale.

In particolare le sanzioni edittali applicabili ordinariamente e quelle ridotte a seguito dell’eventuale ravvedimento operoso, possono essere riepilogate nel modo indicato nella tabella seguente:

Momento del ravvedimento

Sanzione edittale Riduzione da ravvedimento Sanzione ridotta

da ravvedimento

entro i primi 14 giorni 15% 1/10

0,1% per ogni giorno di ritardo

dal 15° al 30° giorno

15% 1/10 1,5%

dal 31° al 90° giorno

15% 1/9

1,67%

dal 91° giorno al termine di presentazione della dichiarazione 30% 1/8

3,75%

entro il termine di presentazione della dichiarazione successiva

30% 1/7 4,29%
oltre il termine di presentazione della dichiarazione successiva 30% 1/6

5%

 

Il cd. ‘ravvedimento sprint’ attualmente comporta il versamento di sanzioni ridotte, in misura pari allo 0,10% per ogni giorno di ritardo. In definitiva, nei primi 14 giorni è possibile sanare l’omesso versamento con sanzioni ‘calibrate’ in rapporto all’effettivo numero dei giorni di ritardo: se il ritardo ad esempio è di 5 giorni, trova applicazione la sanzione dello 0,50% (ossia 0,10% x 5 giorni = 0,50%) e così via. Dal quindicesimo giorno fino al trentesimo giorno, invece troverà applicazione la sanzione del 1,50%.

Oltre al versamento dell’imposta dovuta e della sanzione normativamente prevista, occorre procedere al versamento degli interessi di mora al tasso legale pro-tempore vigente.
Dal 1° gennaio 2016 tale tasso risulta stabilito nella misura dello 0,20%.

L’evoluzione temporale del tasso di interesse legale è peraltro consultabile alla pagina relativa presente tra le ‘Informative’ del sito.

Il versamento degli interessi da ravvedimento va effettuato su Mod. F24 in via separata, con utilizzo degli appositi codici tributo.

Le nuove modalità di versamento degli interessi da ravvedimento non si applicano per i versamenti di interessi sulle ritenute da parte dai sostituti d’imposta, che continueranno ad essere effettuati cumulativamente al codice del tributo (in tale ipotesi la distinta indicazione viene fornita nel quadro ST del Modello 770).
Per il calcolo concreto degli importi dovuti per accedere al ‘ravvedimento operoso’, che tiene conto delle novità nel tasso di interesse legale vigente dal 1° gennaio 2016, nonché della nuova misura delle sanzioni che si rende applicabile dalla medesima data, è possibile utilizzare il nuovo ‘file’ in formato ‘excel’.
Il ‘file’ evidenzia separatamente (nei casi in cui ciò è previsto) gli importi dovuti per interessi da ravvedimento (che tengono conto anche del nuovo tasso di interesse legale dello 0,20%, in vigore dal 1° gennaio 2016) ed il relativo codice tributo da utilizzare su Mod. F24.

Regime sanzionatorio dell’INDEBITA COMPENSAZIONE CREDITI INESISTENTI in Mod. F24
L’art. 27, commi 18-20 ha inasprito le sanzioni a carico dei soggetti che utilizzano in compensazione nel Mod. F24 crediti in tutto od in parte inesistenti. In particolare il comma 18 recita:
“l‘utilizzo in compensazione di crediti inesistenti per il pagamento di somme dovute è punito con la sanzione dal cento al duecento per cento della misura dei crediti stessi“.

Omessa presentazione del modello F24 a saldo zero
Chi opera una compensazione orizzontale deve sempre presentare il modello F24, anche quando esso ha un saldo pari a zero. Il modello permette, infatti, a tutti gli Enti di venire a conoscenza dei versamenti e delle compensazioni operate e consente all’Agenzia delle Entrate di attribuire le somme spettanti a ciascuno.
L’omessa o ritardata presentazione del modello F24 con saldo a zero può, essere regolarizzata. La Circolare n. 54/E del 19 giugno 2002, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che per regolarizzare tale violazione è necessario:
a) presentare il modello F24, entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa all’anno in cui è stata commessa la violazione;
b) versare una sanzione ridotta, pari a:
– €. 5,00 (1/10 della sanzione amministrativa di €. 51) se il ritardo non è superiore a 5 giorni;
– €. 15,00 (1/10 della sanzione amministrativa di €. 154) se il modello è presentato oltre i 5 giorni.

 

(dott. Piergiorgio Ripa – piergiorgio.ripa@studioripa.it)

Share on Facebook17Tweet about this on Twitter0Share on Google+6Share on LinkedIn11Email this to someonePrint this page

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca sul tasto Cookie Policy Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close