REGIME FORFETARIO 2016

Share on Facebook7Tweet about this on Twitter0Share on Google+1Share on LinkedIn3Email this to someonePrint this page

..:: REGIME FORFETARIO 2016.

La Legge n. 190/2014 (cd. ‘Legge di Stabilità 2015’) ha introdotto, a decorrere dal 1 gennaio 2015, un nuovo regime fiscale agevolato rivolto alle persone fisiche che esercitano attività d’impresa, arte o professioni, in forma individuale (ivi comprese le imprese familiari), che rispettano determinati requisiti.

Il regime si sostanzia in una determinazione forfettaria del reddito imponibile, che viene poi tassato con un’imposta sostitutiva dell’Irpef, delle addizionali regionali e comunali e dell’Irap, con aliquota fissata al 15%.

Sulla materia è intervenuta l’Agenzia delle Entrate con la Circolare n. 10/E del 4 aprile 2016, allo scopo di  fornire indicazioni in relazione alle modalità di applicazione del nuovo regime forfetario, anche alla luce delle modifiche apportate allo stesso dalla cd. Legge di Stabilità 2016, contribuendo a chiarire alcuni dubbi interpretativi emersi nel corso del primo anno di applicazione del regime agevolato (anno 2015).

L’introduzione del nuovo regime ha comportato l’abrogazione di tutti i regimi agevolativi in precedenza previsti per i contributi di minori dimensioni.

In particolare i seguenti:

– il regime delle nuove iniziative produttive (di cui all’ articolo 13 della Legge n. 388/2000);

– il regime di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità, meglio conosciuto come ‘regime dei nuovi minimi’ (di cui all’articolo 27 commi 1 e 2 del D.L. n. 98/2011);

– il regime agevolato per gli “ex minimi” (di cui all’articolo 27, comma 3, del D.L. n. 98/2011).

Il D.L. n. 192/2014 ha prorogato le disposizioni relative al cd. ‘regime dei nuovi minimi’ (regime fiscale di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità), per i contribuenti che, avendone i requisiti, decidessero di avvalersene, consentendone la relativa scelta fino al 31 dicembre 2015.

E’ stata comunque introdotta una ‘clausola di salvaguardia’ per i contribuenti ‘minimi’ ovvero i soggetti che nel periodo d’imposta in corso al 31 dicembre 2015 si avvalevano del regime fiscale di vantaggio di cui all’articolo 27, commi 1 e 2, del D.L. n. 98/2011, i quali possono continuare ad avvalersene per il periodo che residua al completamento del quinquennio agevolato e comunque fino al compimento dei 35 anni d’età.

Regime ‘naturale’ dal 1° gennaio 2016.

Pertanto, dal 1° gennaio 2016, il nuovo regime forfettario costituisce l’unico regime agevolato, che può essere utilizzato dai contribuenti che intendono intraprendere una nuova attività.

Il nuovo regime deve essere utilizzato anche dai soggetti già in attività, previa verifica della sussistenza dei requisiti previsti dalla normativa, con la sola eccezione dei contribuenti che fino al 2015 si sono avvalsi del regime dei cd. ‘nuovi minimi’ i quali possono continuare ad applicarlo fino alla scadenza naturale (completamento del quinquennio e/o compimento dei 35 anni di età).

Requisiti oggettivi di accesso al regime forfettario.

Il regime forfetario non prevede una ‘scadenza’ applicativa legata ad un certo numero di anni di attività od al raggiungimento di una particolare anagrafica.

La sua applicazione è subordinata al verificarsi di alcune ‘condizioni’.

L’accesso al nuovo regime forfettario ed il mantenimento per gli anni successivi, è possibile per i contribuenti che hanno i seguenti requisiti:

REQUISITI ANNO 2016
RICAVI: hanno conseguito Ricavi o percepito Compensi, ragguagliati ad anno, non superiori a determinati limiti da euro 25.000 a 50.000, differenziati a seconda del codice ATECO 2007 dell’attività esercitata
LAVORO DIPENDENTE: hanno sostenuto spese per lavoro accessorio, dipendente e per collaboratori (compresi gli utili da partecipazione agli associati) ammontare complessivamente non superiore a 5.000 euro lordi,
BENI STRUMENTALI: hanno sostenuto un costo complessivo, al lordo degli ammortamenti, dei beni strumentali alla chiusura dell’esercizio non superiore ad euro 20.000:

1) beni in leasing: rileva il costo sostenuto dal concedente;

2) beni in locazione, noleggio e comodato: rileva il valore normale degli stessi;

3) beni, detenuti in regime di impresa o arte e professione, utilizzati promiscuamente anche per l’uso personale o familiare del contribuente, concorrono nella misura del 50%;

4) non rilevano i beni di costo unitario non superiore a 516,46 euro;

5) non rilevano i beni immobili, comunque acquisiti utilizzati.

6) non rilevano i costi di alcune immobilizzazioni immateriali (es. avviamento): C.M. n. 6/2015.

i redditi conseguiti nell’attività d’impresa, arte o professione erano prevalenti rispetto a quelli percepiti come redditi di lavoro dipendente e assimilati Requisito non rilevante se il rapporto di lavoro è cessato o la somma dei redditi d’impresa, arte o professione e di lavoro dipendente o assimilato non supera i 30.000 euro

I soggetti già in attività verificano i predetti requisiti sui dati dell’anno precedente. Per chi avvia una nuova attività la verifica è di natura presuntiva.

Ai fini dell’individuazione del limite dei ricavi e dei compensi per l’accesso al regime:

  1. i) non rilevano i ricavi e i compensi derivanti dall’adeguamento agli studi di settore e ai parametri;
  2. ii) nel caso di esercizio contemporaneo di attività contraddistinte da differenti codici ATECO, si assume il limite più elevato dei ricavi e dei compensi relativi alle diverse attività esercitate.

Non possono avvalersi del regime forfetario:

  1. a) le persone fisiche che si avvalgono di regimi speciali ai fini IVA o di regimi forfetari di determinazione del reddito;
  2. b) i non residenti, a eccezione di quelli che sono residenti in uno degli Stati membri dell’Unione europea o in uno Stato aderente all’Accordo sullo Spazio economico europeo che assicuri un adeguato scambio di informazioni e che producono nel territorio dello Stato italiano redditi che costituiscono almeno il 75% del reddito complessivamente prodotto;
  3. c) i contribuenti che in via esclusiva o prevalente effettuano cessioni di fabbricati o porzioni di fabbricato, di terreni edificabili, di cui all’articolo 10, comma 1, numero 8), del D.P.R. n. 633/1972 o di mezzi di trasporto nuovi di cui all’articolo 53, comma 1, del D.L. n. 331/1993.
  4. d) gli esercenti attività d’impresa, arti o professioni che partecipano, contemporaneamente all’esercizio dell’attività, a società di persone o associazioni a esse assimilate (articolo 5 del TUIR), ovvero a società a responsabilità limitata trasparenti (articolo 116 del TUIR).

Il regime forfetario cessa di avere applicazione a partire dall’anno successivo a quello in cui viene meno una delle condizioni di accesso, oppure si verifica una delle cause di esclusione.

Per meglio identificare il Limite dei Ricavi e dei Compensi, che consentono l’accesso al regime agevolativo forfettario, di seguito riportiamo nella Tabella i codici ATECO dei diversi settori di attività, indicando altresì il Coefficiente di Redditività normativamente previsto per il 2016:

Settore di attività Codici ATECO Ricavi/Compensi limite 2016 Coefficienti di redditività
Industrie alimentari e delle bevande 10, 11 45.000 40%
Commercio all’ingrosso e al dettaglio 46.2, 46.3, 46.4, 46.5, 46.6, 46.7, 46.9, 47.1, 47.2, 47.3, 47.4, 47.5, 47.6, 47.7, 47.9 50.000 40%
Commercio ambulante di alimentari e bevande 47.81 40.000 40%
Commercio ambulante di altri prodotti 47.82, 47.89 30.000 54%
Costruzioni e attività immobiliari 41, 42, 43, 68 25.000 86%
Intermediari del commercio 46.1 25.000 62%
Attività dei servizi di alloggio e ristorazione 55, 56 50.000 40%
Attività professionali 64, 65, 66, 69, 70, 71, 72, 73, 74, 75, 85, 86, 87, 88 30.000 78%
Altre attività economiche 01, 02, 03, 05, 06, 07, 08, 09, 12, 13, 14, 15, 16, 17, 18, 19, 20, 21, 22, 23, 24, 25, 26, 27, 28, 29, 30, 31, 32, 33, 35, 36, 37, 38, 39, 49, 50, 51, 52, 53, 58, 59, 60, 61, 62, 63, 77, 78, 79, 80, 81, 82, 84, 90, 91, 92, 93, 94, 95, 96, 97, 98, 99 30.000 67%

Tassazione nel regime forfettario.

Nel regime forfettario, il reddito imponibile è determinato applicando all’ammontare dei ricavi o dei compensi percepiti un coefficiente di redditività, diversificato a seconda del codice ATECO che contraddistingue l’attività esercitata (come indicato nella Tabella che precede).

Sul reddito imponibile si applica un’imposta sostitutiva dell’IRPEF, delle addizionali regionali e comunali all’IRPEF e dell’IRAP, pari al 15%.

Nelle imprese familiari, l’imposta sostitutiva, calcolata sul reddito complessivo (ossia al lordo delle quote assegnate al coniuge e ai collaboratori familiari), è dovuta dall’imprenditore.

I contributi previdenziali obbligatori (compresi quelli corrisposti per conto dei collaboratori dell’impresa familiare fiscalmente a carico, ovvero, se non fiscalmente a carico, qualora il titolare non abbia esercitato il diritto di rivalsa sui collaboratori stessi), si deducono dal reddito determinato forfetariamente; l’eventuale eccedenza è deducibile dal reddito complessivo.

Il reddito determinato in regime forfetario rileva anche per il riconoscimento delle detrazioni per carichi di famiglia: non viene preso in considerazione per determinare l’ulteriore detrazione spettante in base alla tipologia di reddito (articolo 13 del TUIR).

Nei primi tre anni di attività (ossia nell’anno in cui la stessa è iniziata e per i due successivi), il reddito determinato forfetariamente è ridotto di un terzo, a condizione che:

  1. a) il contribuente non abbia esercitato, nei tre anni precedenti l’inizio, attività artistica, professionale o d’impresa, anche in forma associata o familiare;
  2. b) l’attività da esercitare non costituisca una mera prosecuzione di altra attività precedentemente svolta sotto forma di lavoro dipendente o autonomo (escluso il caso in cui l’attività precedentemente svolta consista nel periodo di pratica obbligatoria ai fini dell’esercizio di arti o professioni);
  3. c) qualora venga proseguita un’attività svolta in precedenza da altro soggetto, l’ammontare dei relativi ricavi e compensi, realizzati nel periodo d’imposta precedente quello di riconoscimento del beneficio, non sia superiore ai limiti che, a seconda dell’attività, consentono l’accesso al regime.

Semplificazioni di natura contabile.

I contribuenti in regime forfettario:

  1. hanno l’obbligo di conservare i documenti ricevuti (fatture di acquisto e bollette doganali) ed emessi;
  2. emettono le fatture indicando la dicitura “Operazione fuori campo IVA ai sensi dell’art. 1, commi 54-89, L. 23/12/2014, n. 190” o una analoga. Sull’originale della fattura emessa va apposta una marca da bollo da euro 2,00 se la fattura è di importo superiore ad euro 77,47.
  3. sono esonerati dagli obblighi di registrazione e di tenuta delle scritture contabili;
  4. non sono tenuti a operare le ritenute (occorrerà solo indicare in dichiarazione il codice fiscale del percettore dei redditi per i quali all’atto del pagamento degli stessi non è stata operata la ritenuta e l’ammontare dei redditi stessi);
  5. non sono assoggettati a ritenute di acconto (rilasciando un’apposita dichiarazione dalla quale risulti che il reddito cui le somme afferiscono è soggetto ad imposta sostitutiva) i propri ricavi e compensi. A tale fine basterà indicare in fattura la dicitura “Prestazione non soggetta a ritenuta d’acconto ai sensi del comma 5.2 del Provvedimento Agenzia delle entrate del 22 dicembre 2011 n. 185820”, od una analoga.
  6. sono esclusi dall’applicazione degli studi di settore e dai parametri.
  7. sono esonerati dal versamento dell’Iva e da tutti gli obblighi previsti in materia di Imposta sul valore aggiunto (ad eccezione degli obblighi di numerazione e di conservazione delle fatture di acquisto e delle bollette doganali, di certificazione dei corrispettivi e di conservazione dei relativi documenti);
  8. sono al contrario debitori dell’IVA per le seguenti particolari fattispecie:

8.1. relativamente agli acquisti intracomunitari: se il loro ammontare complessivo è superiore al  limite annuo di euro 10.000, il contribuente forfetario è tenuto ad assolvere l’IVA integrando la fattura emessa dall’operatore comunitario con l’indicazione dell’aliquota e dell’imposta, procedendo altresì al versamento dell’IVA stessa (iscrivendosi al VIES e presentando il modello Intrastat);

8.2. nei casi in cui il contribuente forfetario deve assolvere l’VA mediante il meccanismo del reverse charge.

9. relativamente alle cessioni intracomunitarie: le stesse non si considerano cessioni intracomunitarie in senso tecnico e sono assimilate alle operazioni ‘interne’, per le quali l’IVA non viene evidenziata in fattura. Il cedente in regime forfetario deve indicare nella fattura emessa nei confronti dell’operatore comunitario che l’operazione è soggetta al regime in esame, con la dicitura: “non costituisce cessione intracomunitaria ai sensi dell’articolo 41, comma 2-bis, del D.L. 30 agosto 1993, n. 331“. Non essendo considerate cessioni intracomunitarie, i forfetari non sono tenuti a presentare gli elenchi riepilogativi Intrastat, ne ad iscriversi (per le cessioni intracomunitarie) alla banca dati VIES. 

Altre peculiarità del regime.

Relativamente al regime contributivo, chi esercita attività d’impresa può, scegliere di non essere assoggettato alla contribuzione previdenziale minima, calcolando i contributi sulla base del reddito dichiarato.

Ai fini della determinazione ‘forfettaria’ del reddito imponibile non assumono alcuna rilevanza le spese sostenute nel periodo, siano esse inerenti o meno all’attività svolta dal contribuente.

Le uniche ‘spese’ che possono essere portate in deduzione sono i contributi previdenziali versati per obbligo di legge.

I Ricavi ed i Compensi rilevano secondo il principio di cassa: assumono rilevanza quelli effettivamente incassati nel corso del periodo d’imposta.

Il nuovo regime è quello naturale per i contribuenti in possesso dei relativi requisiti.

E’ possibile optare per l’applicazione dell’imposta sul valore aggiunto e delle imposte sul reddito nei modi ordinari.

L’opzione, valida per almeno un triennio, è comunicata con la prima dichiarazione annuale da presentare successivamente alla scelta operata.

Trascorso il periodo minimo di permanenza nel regime ordinario, l’opzione resta valida per ciascun anno successivo, fino a quando permane la concreta applicazione della scelta operata.

Esemplificazione di calcolo dell’imposta sostitutiva dovuta.

La determinazione dell’imposta sostitutiva da versare è agevole.

L’ammontare dei Ricavi/Compensi incassati nell’anno va rapportato alla percentuale di imponibilità stabilita in base al codice ATECO 2007 di appartenenza dell’impresa.

Dal reddito imponibile determinato nel modo anzidetto, si sottraggono i contributi previdenziali versati, e su tale ultima differenza si applica l’imposta sostitutiva del 15%.

In forma schematica:

Compensi percepiti 10.000
Percentuale di redditività 78%
Reddito Imponibile lordo 7.800
Contributi previdenziali pagati (1.800)
Reddito imponibile netto 6.000
Imposta sostitutiva % 15%
Imposta sostitutiva dovuta 900

 

Facsimile fatturazione in regime forfettario (modello in formato .xls – excel).

Di seguito si propone un modello di fatturazione in formato excel (del quale può essere liberamente effettuato il download) da utilizzare da parte di un contribuente (professionista) in regime forfettario:

Fattura Regime Forfetario: Fac-simile (professionista)

Excel-icon

(dott. Piergiorgio Ripa – piergiorgio.ripa@studioripa.it)

Share on Facebook7Tweet about this on Twitter0Share on Google+1Share on LinkedIn3Email this to someonePrint this page

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca sul tasto Cookie Policy Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close