PROROGA 2018 SUPER AMMORTAMENTO BENI STRUMENTALI 30% ED IPER AMMORTAMENTO 150%

Share on Facebook2Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Share on LinkedIn11Email this to someonePrint this page

..:: PROROGA SUPER-AMMORTAMENTO ED IPER-AMMORTAMENTO: AGEVOLAZIONI FISCALI PER L’ACQUISTO DI BENI STRUMENTALI NUOVI

La Legge n. 205/2016 del 27 dicembre 2017 (cd. ‘Legge di Bilancio 2018’) ha introdotto la proroga della disciplina del cd. ‘super-ammortamento’ (che prevede la possibilità di maggiorare il costo di acquisizione di determinati beni del 30%, ai fini della determinazione delle quote di ammortamento e dei canoni di leasing) nonché della disciplina del cd. ‘iper-ammortamento’ (che prevede la possibilità di maggiorare il costo di acquisizione di determinati beni del 150% e dei connessi beni strumentali immateriali del 40%, ai fini della determinazione delle quote di ammortamento e dei canoni di leasing).

Possono sfruttare il predetto  bonus fiscale sia le imprese sia i professionisti e lavoratori autonomi.

PROROGA DEL CD. ‘SUPER-AMMORTAMENTO’ DEL 30%

La proroga della normativa dei cd. ‘super-ammortamenti’ dei beni strumentali nuovi, ha una valenza temporale limitata agli investimenti in nuovi macchinari ed attrezzature acquistati nel periodo dal 1° gennaio 2018 al 31 dicembre 2018, ovvero entro il 30 giugno 2019 a condizione che, entro la data del 31 dicembre 2018, il relativo ordine risulti accettato dal fornitore e sia avvenuto il pagamento di acconti in misura almeno pari al 20% del costo di acquisizione.

La maggiorazione sul costo di acquisizione non si applica agli investimenti in:

  • beni immateriali (marchi, brevetti, software) ad eccezione dal 1/1/2017 del software strumentale al funzionamento di impianti e macchinari ad alta tecnologia;
  • beni materiali strumentali per i quali il D.M. 31/12/88, stabilisce coefficienti di ammortamento inferiori al 6,5%;
  • fabbricati e costruzioni;
  • autovetture ed altri mezzi di trasporto a deducibilità limitata, o concessi in uso promiscuo ai dipendenti, nonché dal 1/1/2018 quelli esclusivamente strumentali all’attività d’impresa e di uso pubblico;
  • beni di cui all’allegato n. 3 annesso alla Legge di Stabilità 2016 indicati nella seguente tabella:
Gruppo V – Industrie manifatturiere alimentari Specie 19 – Imbottigliamento di acque minerali naturali Condutture
Gruppo XVII – Industrie dell’energia elettrica, del gas e dell’acqua Specie 2/b – Produzione e distribuzione di gas naturale Condotte per usi civili (reti urbane)
Gruppo XVII – Industrie dell’energia elettrica, del gas e dell’acqua Specie 4/b – Stabilimenti termali, idrotermali Condutture
Gruppo XVII – Industrie dell’energia elettrica, del gas e dell’acqua Specie 2/b – Produzione e distribuzione di gas naturale Condotte dorsali per trasporto a grandi distanze dai centri di produzione
Gruppo XVII – Industrie dell’energia elettrica, del gas e dell’acqua Specie 2/b – Produzione e distribuzione di gas naturale Condotte dorsali per trasporto a grandi distanze dai giacimenti gassoso acquiferi; condotte di derivazione e di allacciamento
Gruppo XVIII – Industrie dei trasporti e delle telecomunicazioni Specie 4 e 5 – Ferrovie, compreso l’esercizio di binari di raccordo per conto terzi, l’esercizio di vagoni letto e ristorante. Tramvie interurbane, urbane e suburbane, ferrovie metropolitane, filovie, funicolari, funivie, slittovie ed ascensori Materiale rotabile, ferroviario e tramviario (motrici escluse)
Gruppo XVIII – Industrie dei trasporti e delle telecomunicazioni Specie 1, 2 e 3 – Trasporti aerei, marittimi, lacuali, fluviali e lagunari Aereo completo di equipaggiamento (compreso motore a terra e salvo norme a parte in relazione ad esigenze di sicurezza)

L’agevolazione fiscale consiste in una maggiore deduzione del 30% (40% fino al 31/12/2017) delle quote di ammortamento degli investimenti in beni strumentali nuovi.

La predetta agevolazione vale ai fini IRES 24% (e dell’IRPEF per le persone fisiche e società di persone) ma NON ai fini dell’IRAP.

Consiste nella possibilità di calcolare l’ammortamento fiscale sul costo di acquisizione maggiorato del 30% e si ‘risolve’ in una variazione in diminuzione da indicare nella dichiarazione dei redditi ai fini del calcolo dell’IRES (IRPEF) dovuta.

Per poter usufruire dell’agevolazione il bene strumentale relativo deve essere entrato in funzione.

Nel bilancio il bene continua ad essere ammortizzato secondo le ordinarie aliquote di ammortamento, mentre ai fini fiscali viene accordata una variazione in diminuzione per il maggiore ammortamento deducibile.

La maggiorazione del 30% è calcolata sull’ammortamento fiscale in quanto (indipendentemente dalle possibili diverse valutazioni di bilancio) il beneficio fiscale è ‘definitivo’ e quindi non vi sono i presupposti per contabilizzare eventuali imposte differite.

Inoltre, l’incremento del costo di acquisto è solo ‘virtuale’ ai fini del calcolo dei maggiori ammortamenti annui ai fini fiscali.

Tale agevolazione non influisce in alcun modo nella determinazione delle plusvalenze/minusvalenze al momento della cessione dei beni.

L’investimento deve essere realizzato nel predetto periodo agevolato, ma l’agevolazione prosegue fino al completamento del processo di ammortamento ovvero del contratto di locazione finanziaria

Il beneficio spetta anche per gli investimenti in beni strumentali nuovi fatti con un contratto di leasing (locazione finanziaria), alle medesime condizioni sopra riepilogate. 

La maggiorazione del 30% interessa nel leasing finanziario la sola componente relativa al capitale, mentre non potrà essere agevolata quella finanziaria (gli interessi inglobati nei canoni periodici di leasing pagati).

Diverso il caso del cd. leasing ‘operativo’ (che non comporta a differenza del leasing finanziario il trasferimento in capo al locatario dei rischi e benefici inerenti ai beni oggetto del contratto e che generalmente non prevede l’opzione finale di riscatto). Il leasing cd. ‘operativo’ viene equiparato dall’Amministrazione Finanziaria ai noleggi (cfr. Risoluzione Ministeriale n. 175/E/2003) e per tale ragione non può ovviamente beneficiare della normativa relativa agli ammortamenti maggiorati del 30%.

 

IL CD. ‘IPER-AMMORTAMENTO’ DEL 150%

Al fine di favorire processi di trasformazione tecnologica e digitale secondo il modello «Industria 4.0», anche per gli investimenti, effettuati nel periodo dal 1° gennaio 2018 al 31 dicembre 2018 (ovvero entro il 31 dicembre 2019 a condizione che, entro la data del 31 dicembre 2018, il relativo ordine risulti accettato dal fornitore e sia avvenuto il pagamento di acconti in misura almeno pari al 20% del costo di acquisizione), in beni materiali strumentali nuovi compresi nell’elenco di cui all’allegato A annesso alla Legge n. 232/2016, il costo di acquisizione è maggiorato del 150% (Iper-Ammortamento), in aggiunta a quello ordinario. 

Viene inoltre prorogata – per lo stesso periodo temporale dell’iper ammortamento – anche l’agevolazione, attraverso un Super-Ammortamento del 40%, a decorrere dal 1° gennaio 2017, relativa all’acquisizione di beni immateriali (software) per la gestione integrata dei macchinari e impianti agevolati indicati nel punto che precede (per i quali trova applicazione l’Iper Ammortamento). 

Per i soggetti che beneficiano della maggiorazione del 150% e che, nel periodo citato, effettuano investimenti in beni immateriali strumentali compresi nell’elenco di cui all’allegato B annesso alla Legge n. 232/2016, il costo di acquisizione di tali beni è maggiorato del 40%.

L’elenco dei beni immateriali di cui all’allegato B per i quali si applica l’iper-ammortamento degli investimenti viene ampliato dalla proroga, includendovi anche alcuni sistemi di gestione per l’e-commerce e specifici software e servizi digitali. In particolare:

  • i sistemi di gestione della supply chain finalizzata al drop shopping;
  • i software ed i servizi digitali per la fruizione immersa, interattiva e partecipativa, ricostruzioni 3D e realtà aumentata;
  • i software, le piattaforme ed applicazioni per la gestione ed il coordinamento della logistica con elevate caratteristiche di integrazione delle attività di servizio (comunicazione intra-fabbrica, etc.).

Per la fruizione dei benefici dell’iper ammortamento e della maggiorazione sui beni immateriali, l’impresa è tenuta a produrre una dichiarazione resa dal legale rappresentante ovvero, per i beni aventi ciascuno un costo di acquisizione superiore ad euro 500.000, una perizia tecnica giurata rilasciata da un ingegnere o da un perito industriale iscritti nei rispettivi albi professionali o da un ente di certificazione accreditato, attestante che il bene possiede caratteristiche tecniche tali da includerlo negli elenchi citati di cui all’allegato A o all’allegato B ed è interconnesso al sistema aziendale di gestione della produzione o alla rete di fornitura.

Per l’individuazione dei beni interessati all’Iper-Ammortamento si rimanda a:

  • Allegato A – Beni funzionali alla trasformazione tecnologica e digitale delle imprese secondo il modello “Industria 4.0”;
  • Allegato B – Beni immateriali (software, sistemi e system integration, piattaforme e applicazioni) connessi a investimenti in beni materiali “Industria 4.0”.

(dott. Piergiorgio Ripa – piergiorgio.ripa@studioripa.it)

(Informativa pubblicata il 7 gennaio 2018)

Share on Facebook2Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Share on LinkedIn11Email this to someonePrint this page

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca sul tasto Cookie Policy Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close